Salta al contenuto

 Amministrazione Trasparente

Sito web in aggiornamento, per il rientro in comune di alcuni servizi e uffici dall'Unione Territoriale Intercomunale del Friuli Centrale (UTI) e per la riorganizzazione macrostrutturale (1° gennaio 2019)

Dettaglio Procedimento

Tipo Istanza
Nome Procedimento Segnalazione Certificata di Inizio Attività (C3)
Descrizione

Sono realizzabili mediante la presentazione di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA art. 26 L.R.19/2009 in vigore dal 29.12.2012) gli interventi non assoggettati a permesso di costruire né riconducibili ad attività edilizia libera. Il cittadino/l'impresa presenta all'ufficio protocollo (o la invia a mezzo posta) la SCIA nella quale, oltre ai propri dati, dichiara di essere proprietario dell'immobile o titolare dei diritti reali sullo stesso, oppure in possesso di procura da parte del proprietario.
E' necessario utilizzare i modelli prestampati già predisposti (come da facsimile allegato). L'attività edilizia può essere iniziata dalla data di presentazione all'ufficio protocollo o dalla data di ricezione della stessa in caso di presentazione a mezzo posta.
La segnalazione certificata di inizio attività viene assegnata all'Unità Operativa. Viene fatta la verifica tecnica e amministrativa per controllare che la pratica sia completa.
Se le condizioni sono soddisfatte il responsabile del procedimento attesta sulla SCIA la chiusura dell'istruttoria.
Se viene riscontrata l'assenza delle condizioni, requisiti e presupposti, l'amministrazione comunale adotta - entro 30 giorni - motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi, salvo che l'interessato, ove ciò sia possibile, provveda a conformare alla normativa vigente la sua attività.
Decorso il termine di 30 giorni l'amministrazione comunale può intervenire in presenza del pericolo di un danno per il patrimonio artistico e culturale, per l'ambiente, per la salute, per la sicurezza pubblica o la difesa nazionale, previo motivato accertamento dell'impossibilità di tutelare comunque tali interessi mediante conformazione dell'attività dei privati alla normativa vigente.
Alla fine dei lavori il progettista o un tecnico abilitato presenta - ove previsto - il certificato di collaudo finale che attesti la conformità dell'opera al progetto presentato, nonché se le opere realizzate hanno comportato modificazioni del classamento catastale.

Norma di riferimento L.R. n.19/2009; L.241/1990; Regolamento Edilizio; Piano Regolatore Generale Comunale.
Unità responsabile istruttoria Unità Operativa Concessioni Edilizie 3
Incaricato istruttoria arch. Francesco Magro - geom. Maurizio Pastorino
Telefono incaricato istruttoria 0432 127 2096 - 1272451 fax 0432 127 0366
Responsabile Procedimento geom. Luigi Girardi
Telefono 0432 127 2428 fax 0432 127 0366
Email luigi.girardi@comune.udine.it
Ufficio competente adozione provvedimento finale Unità Operativa Concessioni Edilizie 3
Responsabile adozione provvedimento finale geom. Luigi Girardi
Telefono Responsabile 0432 127 2428 fax 0432 127 0366
Email Responsabile luigi.girardi@comune.udine.it
 
Termini procedimento 30 gg
Termini di presentazione Il giorno dell'inizio dei lavori
Per questo procedimento il provvedimento dell'Amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato No
Questo procedimento può concludersi con il silenzio assenso dell'Amministrazione No
 
Requisiti Al momento della presentazione della SCIA essere proprietario o titolare di diritti reali sull'immobile oggetto dell'intervento (o essere in possesso di procura da parte del proprietario).
Documenti da produrre Vedi descrizione del procedimento
Elenco allegati e modulistica
Customer satisfaction Compila il questionario sui servizi dell'Edilizia privata