Salta al contenuto

 Edilizia e Territorio

Banner Experimental City

 

Il Comune di Udine ha partecipato nel 2016 al Bando per la riqualificazione delle periferie indetto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con il progetto "Experimental City".

Il progetto a cura dell'U.O. Rigenerazione Urbana e Agenda 21 riguarda la riqualificazione urbana dell'ambito est della città.

Per conoscere nel dettaglio i contenuti del progetto guarda il libretto in modalità sfogliabile oppure apri il file in formato PDF.

Il progetto "Experimental City" è stato finanziato per 18.000.000 Euro dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e per 11.860.000 Euro da cofinanziatori privati.

Nel mese di agosto 2018 la Giunta Comunale ha approvato i progetti esecutivi dei 21 interventi che compongono il progetto.

 

 

 

 

Banner Concorso di idee per piazza I° Maggio

Nel corso del 2018 il Comune di Udine ha bandito un Concorso di Idee per la riqualificazione e rifunzionalizzazione dell’ambito di Piazza Primo Maggio.

Piazza Primo Maggio è stata da sempre oggetto di dibattito nella storia della città di Udine. Per tradizione sede di fiere mercati e manifestazioni, ha assunto negli ultimi decenni il ruolo di parcheggio e insieme di polmone verde della città, il “Giardin  Grande” (Zardin Grant).
La piazza è circondata da istituzioni importanti per la città che potrebbero trovare in questo luogo un punto di connessione e di ampliamento delle proprie attività. Sul lato sud sono presenti il Conservatorio statale “Jacopo Tomadini” ed altre due importanti scuole; il liceo classico ”Jacopo Stellini” e il liceo artistico “G. Sello” si affacciano ad est ed a nord ovest. Il complesso del convento delle Grazie è sito nell'angolo nord est. Alle spalle del convento sono presenti diversi edifici precedentemente utilizzati dall'Esercito, che potrebbero nei prossimi anni assumere ruoli significativi per la vita della città; in particolare è appena stata dismessa parte della ex caserma Reginato di via Pracchiuso per realizzare la nuova sede della Prefettura di Udine e l’ampliamento della residenza per anziani “La Quiete”.
Nell'ipotesi di una trasformazione di quest'area è elemento di rilevante importanza l'ellisse ottocentesca che caratterizza fortemente lo spazio; di conseguenza non è possibile modificare sostanzialmente questo elemento.
I giardini “Loris Fortuna” ospitano essenze di un certo interesse, ma una riorganizzazione di questo spazio sarebbe auspicabile. Nessun elemento edilizio può essere invece  modificato. L'intera zona è sovrastata dal colle del castello, che di fatto separa il nucleo più antico della città dai quartieri della zona est.  
La realizzazione del parcheggio interrato all'estremità nord ovest ha stabilito recentemente un vincolo fondamentale per le problematiche di viabilità veicolare ciclabile e pedonale, di questa zona. 
L'Amministrazione ritiene che la riqualificazione di questa piazza possa rivestire un ruolo di assoluta importanza per l'intero centro città. Il suo utilizzo per la sosta veicolare dovrebbe essere ridotto per favorire invece le funzioni legate alle manifestazioni pubbliche e alla sua funzione di parco urbano. E' evidente la possibilità che questa zona costituisca punto di connessione, non solo in un'ottica di mobilità, ma anche e soprattutto di aggregazione sociale e culturale, in un progetto di rivitalizzazione del centro storico.

Le proposte ideative dovevano tener conto della riqualificazione urbanistica, architettonica-paesaggistica e della mobilità dell’ambito, di un nuovo schema della viabilità veicolare, pedonale, ciclabile, dell'arredo e delle attrezzature per ricercare una maggiore leggibilità dell’ambito al fine di garantire una continuità tra questo e le altre parti urbane e in particolare per la valorizzazione e l’attrattività del centro Città e, infine, della riconfigurazione funzionale ed estetica delle varie componenti esterne del nuovo parcheggio per un miglioramento complessivo dell'immagine dell'area.

Consulta la documentazione e gli esiti del concorso di idee per Piazza I Maggio